Google ranking factors: I 30 più importanti

I “Ranking factors” per Google sono  degli “indicatori”, che il motore di ricerca utilizza, per stabilire se una determinata pagina deve comparire in testa ai risultati di ricerca. Alcuni trà  I più importanti di questi “indicatori” o “fattori” sono elencati in questa pagina e contribuiscono  nel loro insieme a formare una parte importante del così detto “algoritmo” di Google che per altro nella sua formulazione completa è segreto.

Estrapoliamo quindi in questa pagina trà i 200 “fattori” elencati  quì i 30 più importanti. Questi 30 fattori li possiamo dividere in n. 4 gruppi

  1. Fattori riguardanti la singola pagina
  2. Fattori riguardanti il sito
  3. Fattori al di fuori della pagina in esame
  4. Fattori riguardanti il dominio a cui il sito appartiene

Fattori riguardanti la singola pagina

1)Keywords nel tag “title”.

Il  Meta  Tag “Title” è uno dei fattori più rilevanti  per un motore di ricerca. La  etichetta “Title” (Tag vuole dire etticchetta) ha lo scopo di dare la descrizione precisa del contenuto delle pagine quando vengono visualizzati i risultati di una determinata ricerca. I motori di ricerca utilizzano quindi  questo” Tag “per visualizzare il” titolo principale” di un risultato di ricerca. Includere nel tag una parola chiave farà in modo di “far capire” al motore di ricerca cosa visualizzare
Per ottenere il miglior risultato la parola chiave deve essere posizionata “all’inizio” del tag titolo. Pagine ottimizzate in questo modo saranno visualizzate  meglio di quelle con parole chiave più vicine alla fine tag del “title”.

2)Keywords nel tag “description”

Il grado di importanza del meta tag “description”  è spesso oggetto di  discussione  nei circoli SEO. È tuttavia opinione condivisa che sia  ancora un segnale  rilevante per il motore di ricerca. E ‘anche fondamentale per far sì che  l’utente faccia  click dalle pagine dei risultati delle ricerche. Inserendo anche nel Tag “description” una o più parole chiave si aiutano sia il motore di ricerca che l’utente visitatore che visualizza il risultato della ricerca a capire cosa è contenuto nella pagina.

3)Keywords nel tag H1

 Il tag “H1” è un altro fattore rilevante, che serve come una descrizione del contenuto della pagina. Anche se si discute molto della importanza di questo tag è comunque  una buona pratica includere la parola chiave o le parole chiave  in un unico tag H1 di una pagina.

4)Usare le Keywords all’interno della pagina

Fino a non molto tempo fa, riempire una  pagina  con una determinata  parola chiave era un modo sicuro per aumentare la visibilità della pagina  per quella  parola chiave. Da tempo non è più così. E’ sempre comunque opportuno inserire le parole chiave all’interno del contenuto (testo e/o immagini) della pagina , ma deve essere fatto in modo opportuno.

5)Lunghezza del contenuto della pagina

Gli utenti in cerca di informazioni attraverso i motori di ricerca vogliono essere ben informati riguardo a un determinato argomento. E’ quindi evidente che il motore di ricerca voglia privilegiare contenuti esaustivi riguardanti quello specifico argomento. Il motore di ricerca valuta la completezza di un determinato argomento in base alla lunghezza della pagina che diventa quindi un fattore rilevante per la sua autorevolezza.

6)Contenuto di pagina duplicato

Avere contenuti simili in diverse  pagine del sito potrebbe  danneggiare la visualizzazione .  E’ quindi importante evitare di duplicare i contenuti e scrivere una  copia originale per ogni pagina.

7)Tag “canonico”.

A volte però avere due URL con contenuti simili è inevitabile. Uno dei metodi per  prevenire che questo diventi un problema di contenuti duplicati è quello di utilizzare un “tag canonico”. Questo tag fà una cosa molto semplice : dice a Google che un URL è equivalente a un altro, mettendo in chiaro  che, nonostante esistano  due pagine con lo stesso contenuto in realtà devono essere considerate come una sola dal motore di ricerca.

8)Ottimizzazione delle immagini

Non è solo il testo che deve  essere ottimizzata in una pagina, ma anche altri mezzi di comunicazione. Le Immagini per esempio possono inviare  segnali rilevanti  ai  motori di ricerca attraverso il loro “alt text” e attraverso la descrizione contenuta nella didascalia .

9)Aggiornamenti dei contenuti della pagina

L’ algoritmo di Google premia un aggiornamento periodico delle pagine . Ciò non significa che si deve modificare la singola  pagina in continuazione . Le pagine con contenuti commerciali, come ad esempio le descrizioni dei prodotti  vengono riconosciute da Google come pagine dal contenuto “più statico” di quelle che sono inserite ad esempio in un blog. È  comunque importante  aggiornare alcuni tipi di contenuti,  più o meno una volta ogni 12 mesi .

10)Links a pagine esterne

Il collegamento  a pagine esterne al sito e  rilevanti per gli argomenti trattati  invia segnali di fiducia al motore di ricerca.  Si presume quindi che inserire in un sito un link a una pagina “autorevole” di un altro sito serva a meglio illustrare l’argomento in oggetto al visitatore.Questo può essere un fattore di fiducia molto importante  per Google.  Bisogna però prestare attenzione che un numero eccessivo di  link in uscita  possono diminuire notevolmente il PageRank della pagina, danneggiandone  così la  visibilità . Quindi link in uscita  devono essere utilizzati ma con moderazione.

11)Links interni

L’Interconnessione di  pagine  interne al sito tramite links sono un fattore importante per la visualizzazione.

12)Keywords nella Url.

Una parola chiave anche all’interno della  URL (che è la parte che appare dopo il “/ .com” ) è  un altro segnale importante per il motore di ricerca.

Fattori riguardanti il sito

13)Presenza o meno di una “Sitemap”

Una mappa del sito aiuta il motore di ricerca a indicizzare tutte le pagine del sito. E ‘il modo più semplice ed efficace per comunicare a Google quali pagine del sito web devono essere incluse nel proprio indice.

14)Credibilità del sito

 E’ da ritenere che siti che appaiono al motore di ricerca come “rilevanti” o “autorevoli ” nel proprio campo specifico in cui operano vengano premiati nei risultati delle ricerche.Ma come si fà a costruire questa autorevolezza? Una lista completa di fattori di autorevolezza  qui. Acquisire autorevolezza agli “occhi” di un motore di ricerca può essere una operazione molto costosa e che richiede tempo.

15)Collocazione fisica del server

Si ritiene  che la  posizione del server che ospita il sito  contribuisca ad aumentare il ranking per tale paese o regione specifica.

16)Ottimizzazione del sito per dispositivi mobili

Solo un anno fa, il 46% degli utenti utilizzavano dispositivi mobili per le loro ricerche . E’ da ritenere  che questo numero sia aumentato in modo esponenziale negli ultimi 12 mesi. Sarebbe  quindi  molto negativo  avere un sito  non ottimizzato per i cellulari e avrebbe anche effetti molto negativi sul posizionamento e quindi visibilità del sito stesso.

17)Integrazione degli strumenti per webmaster di Google

E’ molto importante anche se non determinante inserire il  sito in “Google Webmaster Tools”. lo strumento fornisce comunque  dati preziosi molto utili al fine  di  ottimizzare al meglio il sito stesso.

Fattori al di fuori della pagina in esame

 

18)Numero dei domini che puntano per mezzo di un  link  alla pagina o al sito

Il numero o quantitativo  di domini con dei  links interni  che puntano al sito  è uno dei più importanti fattori di posizionamento.

19 Numero delle pagine che puntano alla  pagina per mezzo di un link

Ci potrebbe essere un certo numero di collegamenti da un particolare dominio al  sito in oggetto, il loro numero è un  ottimo fattore di ranking . Tuttavia, è ancora meglio avere più collegamenti da singoli domini, piuttosto che  tanti collegamenti da un solo singolo dominio.

20)”Page rank” (importanza) delle pagine che puntano  alla pagina

Non tutte le pagine sono uguali. Links da pagine con più alto “PageRank” saranno un fattore di posizionamento  più importante di quelli provenienti da  pagine a basso PR (Page Rank). Pertanto, si dovrebbe cercare di costruire links provenienti  da pagine  sd alto PR.

21)Rilevanza dei links rispetto al contenuto della pagina in esame

I link da pagine che trattano temi simili alla pagina a cui puntano i link stessi  hanno più rilevanza per i motori di ricerca.

22)Credibilità e autorevolezza dei domini che  puntano alla pagina

Analogamente a una pagina , l’autorità di un dominio può essere un fattore di ranking . Per questo motivo, a parità di PR della pagina  un collegamento da una pagina appartenente a un dominio con maggiore PR vale di più rispetto a un link da una pagina appartenente a un dominio con basso PR

23)Links dalla Homepage

I link provenienti  da una home page di un determinato  dominio, hanno maggior valore di quelli provenienti da pagine interne al sito.

24)Rapporto trà links “dofollows” e “nofollow”

Google ha dichiarato ufficialmente che non contano i links “nofollow” (links  con l’attributo” rel = nofollow” ). Pertanto, il numero dei links con l’attributo “do follows” dovrebbe influenzare il posizionamento .

25)Diversità dei tipi di links

I tipi di collegamenti in ingresso e in uscita al sito devono essere diversificati . Troppi collegamenti di un unico  tipo può essere un indicatore di spam e avere un impatto negativo sulla classifica.

26)Disposizione fisica dei links all’interno della pagina

I collegamenti all’interno del contenuto della pagina valgono più di collegamenti in una barra laterale .

27)Anchor text

Il tipo di testo di ancoraggio usato per  un collegamento può essere  un forte fattore di ranking. E’ meglio usare testo pertinente con la pagina o la parte di pagina che si vuole collegare

Fattori riguardanti il dominio a cui il sito appartiene

28)Data di scadenza del dominio

Google considera i domini registrati per più di un anno come più affidabile.

29)Decorso storico del dominio

Potrebbe non essere una unica persona che registra un dominio. E se il  dominio è stato penalizzato in passato, la sua storia potrebbe influenzare la sua classifica attuale.

30)Estensione TLD del dominio

Se si ha intenzione  di indicizzare   un sito per uno specifico mercato locale,  avere un sito con uno specifico dominio di primo livello  (.pl, .co.uk o .ie per esempio) contribuirà al raggiungimento di una migliore classifica per quella posizione.